PR: 3 suggerimenti per reinventare la tua strategia di Content Marketing durante il COVID-19

Come professionista della comunicazione ti stai chiedendo come ristrutturare la tua strategia di Content Marketing a seguito dei cambiamenti radicali dovuti alla pandemia da COVID-19.

 Come consulente per la comunicazione con 20 anni di esperienza, ho selezionato due articoli che evidenziano tutto ciò che occorre conoscere per reinventare il modo di gestire e produrre i contenuti durante l’emergenza e in seguito, quando avremo raggiunto una nuova normalità.

In un recente articolo pubblicato su Search Engine Watch, Content marketing in the COVID-19 crisis: What the hospitality industry is teaching us, Amanda Milligan, direttore marketing di Fractl, importante agenzia di growth marketing che ha lavorato per aziende comprese nella classifica Fortune 500, osserva come alcune multinazionali e piccole aziende del settore turistico, uno dei più colpiti dalla crisi, stanno gestendo la comunicazione e evidenzia delle azioni che i comunicatori e i relatori pubblici dovrebbero tenere in considerazione.

Milligan constata che la rapida diffusione del virus ha provocato cambiamenti repentini: sono stati cancellati eventi importanti, alle persone è stato vietato viaggiare e molte attività sono state sospese o limitate. Le aziende e i consumatori si sono pertanto rivolti ai brand del settore turistico per informarsi in merito a come questi avrebbero gestito l’emergenza.

I CEO di brand B2B internazionali come TripAdvisor e AirBnb si sono rivolti con un video o in forma scritta alle aziende che fanno uso delle loro piattaforme per inviare un messaggio che contiene due elementi fondamentali: (1) la volontà di offrire aiuto e (2) la descrizione delle azioni predisposte in tal senso.

Aziende B2C di più modeste dimensioni hanno invece spiegato come hanno modificato le proprie modalità operative e rassicurato i clienti che dopo l’emergenza saranno di nuovo pronti per accoglierli e accompagnarli durante le loro vacanze.

Photo by Andrew Neel on Unsplash

In un articolo pubblicato su Content Marketing Institute, Robert Rose, fondatore e direttore strategico di The Content Advisory, osserva che la crisi che stiamo attraversando comporta per il content marketing cambiamenti rivoluzionari, analoghi a quelli che la crisi delle dot-com comportò per il Web nei primi anni Duemila. Allora la neonata industria del Web si risollevò adottando nuovi modelli di business, nuove mentalità e nuove tecnologie: venne alla luce il Web 2.0, si diffusero le idee contenute nel Cluetrain Manifesto e Chris Anderson formulò la Teoria della Coda Lunga.

Rose spiega che l’innovazione necessaria a cavalcare i cambiamenti provocati dalla crisi richiede una profonda comprensione delle domande che il mutato scenario pone ai comunicatori: capire un problema è il passo più importante per risolverlo.

Sono 8 le domande che Robert Rose rivolge ai comunicatori, sulla scorta del sondaggio che il Content Marketing Institute ha condotto nel 2020 per valutare i modi in cui i professionisti del content marketing si servono della tecnologia per creare, gestire e distribuire i contenuti. Ecco 3 domande su cui ragionare:

  • Quali metodi, risorse e contenuti sviluppati durante la crisi dovremmo considerare anche in futuro?
  • Come dovremmo analizzare i bisogni e i desideri dei nostri pubblici nel mondo post-COVID-19?
  • Come possiamo modificare il lavoro editoriale per assecondare i mutati bisogni dei nostri pubblici di riferimento?

In base a questi articoli e alla mia esperienza, ho individuato 3 azioni che raccomando a un professionista della comunicazione che voglia affrontare al meglio questo periodo di incertezza e le sfide a esso associate:

  1. Rendi noto il cambiamento – Spiega come i servizi offerti sono stati adattati alle restrizioni imposte dal coronavirus
  2. Rassicura i clienti – Esprimi l’intenzione di aiutare i clienti e spiega quali azioni sono state messe in campo per soddisfare le loro necessità
  3. Relazionati con il pubblico – Ascolta e rivaluta bisogni, valori, interessi e preoccupazioni del tuo pubblico alla luce dei cambiamenti cui stiamo assistendo, e confeziona contenuti che vadano incontro ai loro bisogni e alle loro aspirazioni

Da oggi dovresti quindi iniziare a riflettere sulle strategie di comunicazione più adatte per dare risposta ai bisogni e alle preoccupazioni dei tuoi clienti. Dovresti, inoltre, immaginare come potresti aggiornare il tuo metodo di lavoro e quali strumenti di marketing potresti adottare per affrontare i radicali cambiamenti causati dalla pandemia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...